Search  
  Riduci

 Il senso di una “Carta Nazionale delle Ludoteche Italiane”

 

Alla redazione di questa “Carta Nazionale delle Ludoteche italiane” ha lavorato un gruppo di circa trenta persone composto da operatori che, a vari livelli, si occupano da anni del gioco come risorsa educativa e culturale e di cui la ludoteca è l’espressione più coerente nella forma del servizio pubblico.

La necessità di questa riflessione è avvertita da tempo: definire nei suoi tratti essenziali e nelle sue finalità un’istituzione, la ludoteca appunto, che nell’arco di circa trent’anni si è sviluppata in Italia fra iniziative pubbliche e private, senza un profilo condiviso che le permettesse, pur nel rispetto delle diversità, di presentarsi con una identità riconoscibile e, possibilmente, riconosciuta. Ciò che è avvenuto in Francia con l’ALF: Association des Ludoteques Francaises che è, a tutt’oggi, un punto di riferimento in questo campo.

Il lavoro del Tavolo Nazionale Ludoteche è iniziato, formalmente, il 9 giugno 2010, è proseguito poi con un incontro a Bologna a settembre ed ha avuto un successivo momento importante il 24 novembre 2010 nell’ambito del Convegno “Il gioco che verrà”, svoltosi a Carpi (MO) in occasione dei trent’anni della ludoteca comunale. Dopo un ulteriore incontro a gennaio il lavoro sulla Carta Nazionale delle Ludoteche Italiane si è chiuso a Firenze, presso l’Istituto degli Innocenti, l’11 febbraio 2011. Un viaggio in 6 tappe, considerando anche quella di Modena, dove, il 26 marzo 2011, la Carta è stata sottoscritta e ha avuto la sua prima presentazione ufficiale e pubblica nell’ambito della manifestazione “PLAY - Festival del Gioco”.

Il nostro è stato un “tavolo di lavoro” fra pari, senza leader o direzione, a voler significare la pluralità delle voci e la loro pari dignità a fronte di un obiettivo da tutti ugualmente sentito e condiviso.

In questi trent’anni le ludoteche si sono diffuse in Italia con l’impegno di enti locali, associazioni e privato sociale, a significare che sempre più il gioco e la cultura ludica rappresentano un indicatore importante dell’educazione, a livello familiare, scolastico, del tempo libero. Autentici “presidi territoriali” del gioco, le ludoteche non hanno però ancora conquistato quella identità che meritano sul piano delle politiche educative e culturali. Il termine stesso “ludoteca” viene spesso usato per iniziative private o commerciali che poco o nulla hanno a che fare col significato autentico di un servizio che, è bene ricordarlo, nella sua dizione inglese si chiama “Toy Library” cioè biblioteca del gioco e dei giocattoli. Sempre di più, le ludoteche e le biblioteche per l’infanzia collaborano e in molti casi crescono insieme, perché libri e giochi sono forme di “vita culturale” che si sviluppano bene, in un ambiente abitato dai bambini e coltivato dagli adulti.

La “Carta Nazionale delle Ludoteche italiane: linee guida per la qualità del servizio di ludoteca” è il primo documento condiviso realizzato in Italia che definisce finalità, caratteristiche, indicatori di qualità della ludoteca come servizio pubblico per il gioco.


 Stampa   

Home:La CARTA:Il senso della CARTA:Chi propone la CARTA:Come aderire alla CARTA:Il Tavolo di Confronto:Corso di Formazione:Censimento delle Ludoteche:News
Condizioni d'Uso Dichiarazione per la Privacy